ILLEGITTIMITA' ESPROPRIO PER IRREGOLARITA'
NEL PROGETTO ESECUTIVO

Diritti

A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati  Sito 1

I NOSTRI 5 SITI A DIFESA DEGLI ESPROPRIATI:

QUESTO E' IL SITO 1 -  PER GLI ESPROPRIATI   

Per sapere come reagire all'espropriazione per pubblica utilità

GLI AUTORI DEI TESTI - I RESPONSABILI - LA STRUTTURA  Autori - Fini - Struttura

INDICE GENERALE: HOME   TELEFONI - FAX - INDIRIZZI:  CONTATTI  

OLTRE 200 REFERENTI TERRITORIALI  ITALIA: REGIONI E PROVINCE

SITO 1 - PER GLI ESPROPRIATI <  Sei qui

SITO 2 - PER SPECIALISTI - TESTI PRONTI

SITO 3 - LA NOSTRA BANCA DATI GRATUITA

SITO 4 - PER I REFERENTI TERRITORIALI

SITO 5 - PER GLI STUDENTI

.

  VUOI CHIAMARCI?
   06.91.65.04.018

Segreteria Centralizzata
 Lunedì/Venerdì ore 9 - 12  / 15 - 19  

TI SERVE UN CONSIGLIO?
E' Gratuito!

 Invia una mail e telefonaci. Clicca qui:

COLLOQUIO TELEFONICO GRATUITO

  HAI FRETTA?
Vedi cosa fare, come e quando.
Scarica il nostro Vademecum

Clicca qui:  VADEMECUM GRATUITO

.

Sei qui
     > Sito 1 - PER GLI ESPROPRIATI
     > Vai all'indice della sezione A.6 ILLEGITTIMITA' NELLA PROCEDURA 
  
  > VAI ALLA HOME 
 

 6 - APPROVAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO DELL'OPERA

SI VIOLA LA LEGGE QUANDO:

a) Ci si introduce nei beni da espropriare per operazioni planimetriche o preparatorie senza munirsi di autorizzazione notificandone la richiesta al proprietario e, se conosciuto, anche al possessore con le forme degli atti processuali civili. 

b) Si approva il progetto di un'opera pubblica o di pubblica utilità senza aver coinvolto il proprietario con la modalità di legge o senza seguire le procedure previste (ad. es. considerare il proprietario irreperibile senza che lo sia realmente)

c) Non si dà comunicazione personale ai singoli espropriati quando il loro numero non è superiore a 50

d) Non si dà al proprietario, o ad altri soggetti interessati, la possibilità di presentare osservazioni entro i 30 giorni

e) Non si prende in considerazione la richiesta formulata dal proprietario (con le osservazioni formulate nelle ipotesi descritte nel 1° comma dell'art. 12) di estendere l'espropriazione anche alle frazioni residue dei suoi beni qualora per esse risulti una disagevole utilizzazione ovvero siano necessari considerevoli lavori per disporne una agevole utilizzazione.

f) L'autorità espropriante non si pronuncia sulle osservazioni o si pronuncia con motivazioni insufficienti. 

g) Il provvedimento che approva il progetto definitivo, ai fini della dichiarazione di pubblica utilità, non indica gli estremi degli atti da cui è sorto il vincolo preordinato all'esproprio

h) Non si dà notizia al proprietario (con raccomandata con avviso di ricevimento o altro mezzo equipollente)  della data in cui è diventato efficace l'atto che ha approvato il progetto definitivo e della facoltà di prendere visione della relativa documentazione o della possibilità di fornire ogni utile elemento per determinare il valore da attribuire all'area ai fini della liquidazione della indennità di esproprio.

SI RICORDI. Quelle qui elencate sono le norme italiane che, quando sono in contrasto con le norme CEDU, devono essere disapplicate; vengono qui riportate per completezza espositiva. Le norme CEDU sono illustrate (sinteticamente per gli espropriati e per esteso per i professionisti) nelle altre sezioni del Sito.