ESPROPRIAZIONE DI BENI VARI

A.N.P.T.ES. 
Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati

Questa è una delle Schede informative da noi predisposte a difesa degli espropriati.

Per esaminare tutte le Schede del Sito clicca qui: INDICE GENERALE - HOME

Per esaminare le altre Schede di questa Sezione clicca qui: A.4 Controlla la tua indennità

9 - ALTRI BENI

Non compresi nel precedente elenco e non tutelati dalle norme italiane


Le norme italiane prevedono un indennizzo soltanto per i beni compresi nel precedente elenco: Fabbricati, Aree edificabili ed Aree agricole.

Tutti gli altri beni non sono indennizzabili.

Le norme italiane, peraltro, prevedono spesso  indennizzi incongrui ed, in certi casi, si spingono fino a negare ogni indennizzo.

 

Un esempio,  per comprendere immediatamente.
Se l'espropriato è proprietario di un Fabbricato e di un Supermercato ivi ubicato e

  - il Fabbricato vale 100 e

  - il Supermercato vale 300

per la legge italiana il Supermercato non esiste e gli sarà indennizzato solo 100.

Questa è una situazione "aberrante" che la CEDU non ammette.

 

La Corte Europea infatti, non solo garantisce all’espropriato un’indennità basata sull’effettivo valore di mercato del bene, quindi, con valori congrui, ma si spinge ancora oltre; essa infatti determina gli indennizzi in misura ben superiore a quelli determinati in Italia e dà tutela anche ad altri diritti ed interessi, diversi dal diritto di proprietà, che non sono invece tutelati dalla legge italiana.

 

Le norme CEDU sono illustrate in altre Sezioni del Sito, ma qui di seguito alleghiamo un breve schema riepilogativo.