A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati

Sei qui > Sito 1 Sezione C.4

Contributi volontari

Se volete sostenere l'Associazione con un contributo libero e volontario, qui trovate le informazioni necessarie.

Per esaminare le Schede di questa Sezione: clicca sui titoli o scorri la pagina.

Per l'Indice Generale di tutte le Sezioni: HOME

Per chiederci un consiglio: CONTATTI

Chi vuole versare un contributo può utilizzare i dati che seguono.

 

L'Associazione non richiede il versamento di contributi obbligatori ai soggetti che beneficiano della sua attività.
L’espropriato è pertanto libero di versare un contributo volontario per sostenerla, se ritiene utile l'attività didattica-informativa che essa svolge.

Il contributo non è obbligatorio

Chi vuole versare un contributo può seguire le seguenti istruzioni.

 

PAGAMENTO CON BONIFICO BANCARIO

Intestazione:

ANPTES -Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati

Causale:

contributo volontario

Autore del versamento:

il suo nome e cognome

Codice IBAN

IT66 X 05034 16907 000000003899

Codice BIC/SWIFT

BAPPIT21P97

 

PAGAMENTO CON BOLLETTINO POSTALE

Intestazione:

ANPTES -Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati

Causale:

contributo volontario

Autore del versamento:

il suo nome e cognome

N. Conto

001023877788

 
 
Potete anche salvare i dati in formato word per copiarli o stamparli cliccando qui: Apri dati in formato word
 

 

Nota

L'Associazione non richiede il versamento di contributi obbligatori ai soggetti che beneficiano della sua attività.
L’espropriato è pertanto libero di versare un contributo volontario per sostenerla, se ritiene utile l'attività didattica-informativa che essa svolge.
Il contributo non è obbligatorio

Perchè sostenere l'Associazione con un contributo?

Voi oggi potete usufruire gratuitamente delle informazioni contenute nel Sito, grazie ai contributi liberi e volontari versati dagli espropriati che vi hanno preceduto.
Se volete che il Sito continui ad essere disponibile per altri espropriati, o per voi stessi in futuro, potete sostenere l'Associazione versando un contributo.

 

L'Associazione, infatti, ha effettuato una precisa scelta di campo, senza equivoci o possibili commistioni.

Essa studia ed opera  esclusivamente per gli espropriati e non per gli Enti Pubblici.
E’ questa, una scelta ideale e morale, volta a:

-

tutelare i diritti dei cittadini che possiedono un bene, frutto del loro lavoro o di quello dei loro genitori, per evitare che ne siano privati illegittimamente o senza una giusta remunerazione

-

reagire con forza - senza timore di perdere incarichi o contributi - all'arroganza di molte Amministrazioni, che trattano gli espropriati come "sudditi", utilizzando a loro favore la scarsa conoscenza che i cittadini hanno del Diritto dell'Espropriazione.

   

Per questo l'Associazione non  presta servizi agli Enti Pubblici.

Essa, quindi, si sostiene esclusivamente:

-

con contributi privati, (liberi e volontari) di soggetti che ne apprezzano l'attività

-

con donazioni, (libere e volontarie), di espropriati che hanno tratto beneficio dalle informazioni che essa diffonde gratuitamente.

   

Per sapere come tutelarsi: in fondo ad ogni pagina trovate una Scheda di sintesi;

ISTRUZIONI PER TUTELARSI e COSTI DA SOSTENERE potete vederla qui di seguito.

 

ISTRUZIONI PER TUTELARSI

Il Diritto dell'Espropriazione per Pubblica Utilità è una materia molto complessa e poco conosciuta.

L'Associazione, tramite i suoi Siti, cerca di illustrarla agli espropriati, affinché possano comprendere e controllare ciò che avviene.

Esaminate, quindi, con attenzione i testi dei nostri Siti, che sono stati studiati per essere facilmente compresi da tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro cultura di base.

Inoltre:

 

A) Se non comprendete qualcosa, chiedeteci pure chiarimenti inviandoci una mail per prendere un appuntamento telefonico cliccando qui: Colloquio Telefonico Gratuito

 

B) Vi consigliamo anche di scaricare il nostro Vademecum gratuito per gli espropriati cliccando qui: Il nostro Vademecum Gratuito

 

C) Dedicate particolare attenzione al Documento di Analisi del Procedimento, uno strumento prezioso da utilizzare al più presto.

Lo trovate qui Tutelarsi e/o Opporsi: il DAP

 

D) Se volete sapere come tutelarvi nelle varie fasi della procedura, abbiamo predisposto una breve sintesi degli strumenti informativi e operativi che potete utilizzare.Potete esaminarli cliccando qui Come Tutelarsi in tre passi

 

Ricordate che il principale custode dei vostri diritti siete voi stessi; è quindi essenziale capire ciò che succede.

Per l'Indice di questa Sezione: scorri la pagina o TORNA SU     

Per l'Indice Generale di tutte le Sezioni:  HOME

Per contattare l'Associazione: CONTATTI